Incontrate Mareen Bogerd

Responsabile marketing e product manager

Dal 1° dicembre 2020, Mareen Bogerd è la nuova responsabile marketing e gestione del prodotto. La curiosità per l'altro lato della catena, l'attrattiva del settore green e la possibilità di sfruttare l'esperienza nel commercio al dettaglio sono stati i motivi principali che hanno spinto Mareen a passare ad Anthura, un'azienda che si dedica al breeding.

Puoi spiegarci perché hai scelto di occupare questa posizione? Negli ultimi quindici anni, mi sono occupata di punti vendita, consumatori e assortimento. La domanda centrale era: di quale assortimento deve disporre un negozio per fornire il miglior servizio possibile al consumatore? Lo spazio sugli scaffali non è infinito e l'obiettivo è quello di aiutare il consumatore a operare delle scelte evitando lo stress. Inoltre, è importante stabilire cosa comunicare e come trasmettere al meglio il messaggio. Naturalmente, gli imprenditori affiliati e i franchisor devono essere coinvolti nelle scelte riguardanti l’assortimento, la promozione e i prezzi di vendita ed è necessario mettere i punti vendita nelle condizioni di soddisfare al meglio le richieste, spesso latenti, dei consumatori. Da un po' di tempo ero curiosa di conoscere l'altro lato della catena, un interesse che definirei molteplice. Nella mia posizione attuale, tutto è arrivato all’improvviso. Ora posso rivolgere ai clienti domande come "Perché i produttori scelgono di commercializzare un certo prodotto, con quale obiettivo e quali aspettative?”. La mia conoscenza del commercio al dettaglio facilita le discussioni con i clienti e mi consente di tradurre le esigenze del mercato in un’offerta e un assortimento mirati. L'attenzione al cliente, richiesta dalla vendita al dettaglio, ci consente di mettere la nostra competenza tecnica sul prodotto al servizio dei desideri suoi e dei suoi clienti. Inoltre, una partnership a lungo termine con i franchisor è simile al rapporto di collaborazione che ci unisce ai nostri clienti. Entrambi hanno un interesse proprio e se si trova un interesse comune, 1+1=3. E non in ultimo: il nostro settore è leader negli ambiti dell’innovazione e della sostenibilità, e ci occupiamo di piante, prodotti che ti rendono felice e fanno del mondo un luogo più colorato. Cosa si può volere di più?

In cosa consiste il tuo lavoro? La posizione di responsabile del marketing e della gestione prodotto consiste, in breve, nello stimare la domanda dei clienti, attuale e futura, e nel fornire la migliore risposta possibile per quanto riguarda il prodotto, l’assortimento e la comunicazione.

Occupi la posizione da più di sei mesi. Il lavoro soddisfa le tue aspettative e perché? È anche più divertente di quanto mi aspettassi. Davvero: mi ha aperto un mondo. Questo è in parte dovuto al settore, che è molto all’avanguardia e cerca di svelare il segreto della 'natura'. Anthura è un'azienda estremamente orientata all’innovazione e alla tecnologia, e può contare su molti colleghi appassionati. L’atteggiamento di base è 'migliorare ogni giorno di più'. Se un collega propone un'idea, valutiamo insieme come portarla a un livello superiore. Un simile approccio si adatta molto bene alla mia personalità: sono sempre alla ricerca di ciò che può essere cambiato o migliorato per lavorare insieme al massimo delle possibilità. Naturalmente, valutiamo anche gli aspetti che non vanno come dovrebbero, con l'obiettivo di imparare dagli errori e capire come migliorare la situazione. Nella pratica, significa che non percorriamo sentieri battuti, ma cerchiamo soluzioni ad hoc per raggiungere l’obiettivo.

Quali obiettivi ti sei prefissata? Il contributo principale che posso fornire è capire come aiutare i clienti a scegliere le varietà giuste. Infatti, una varietà può adattarsi al metodo di lavoro di un cliente meglio di un’altra, per esempio perché velocizza la coltivazione o perché il cliente esporta principalmente in un Paese dove si applicano "requisiti" diversi. In secondo luogo, è importante raccontare al cliente del cliente o anche al cliente del cliente del cliente la storia delle varietà offerte dal breeding. Mi segui? Di fatto, tutte le attività del dipartimento ruotano attorno a: strategie di selettocoltura, introduzioni (sul mercato), concetti, novità, fiere, comunicazione, c’è fin troppo da menzionare. Sono molto curiosa di sapere che evoluzione avrà il settore in cinque anni.

Qual è l’aspetto che finora ti ha colpito di più? Ciò che mi ha colpito maggiormente sono stati la passione e l'impegno di tutti i colleghi. L’accoglienza che mi hanno riservato tutti i dipartimenti, la pianificazione collettiva, le decisioni sui passi da compiere e il tempo che tutti hanno messo a mia disposizione per farmi sentire a casa in questo mondo stimolante di Anthurium e orchidea.

Qual è la sfida più grande del tuo ruolo? E perché? Come dipartimento, siamo un ragno nella ragnatela. Confrontiamo i desideri del consumatore tra 10-20 anni con le domande poste oggi dai ricercatori e dal breeiding. Naturalmente, si tratta di un processo molto complesso, perché un consumatore non pensa ora a ciò di cui avrà bisogno o che riterrà bello tra 10 o perfino 20 anni. Ciò significa che dobbiamo saper ascoltare con attenzione e guardare oltre gli sviluppi. Fortunatamente, non lo faccio da sola, ma sono affiancata da molti colleghi di altri dipartimenti. Per me si tratta di un viaggio appena intrapreso e negli ultimi mesi mi sono presa il tempo necessario a conoscere Anthura, i colleghi, (alcuni) dei nostri clienti, partner e fornitori, e ad approfondire la mia conoscenza del settore. Solo questo è un compito impegnativo, interessante e richiede molto tempo. Ora comincia una nuova fase, che è quella di trasformare tutte le mie idee e intuizioni in piani concreti. Accetto questa sfida con grande piacere e fiducia!